Fisioterapia: l’arte di saper scrocchiare le ossa

È un massaggiatore? È uno scrocchiaossa? NO, è un Fisioterapista. 

Se vorrete intraprendere questa strada, dovrete prepararvi ad una vagonata di parenti ed amici che vi chiederanno un massaggio quando avranno “la cervicale”, questo è poco ma sicuro. Certo, il fisioterapista non è solo un massaggiatore, però è anche vero che provare la nuova e segretissima tecnica di massaggio appresa a tirocinio, è la miglior scusa per approcciare la crush di turno.

 

Ma com’è veramente studiare fisioterapia?

Il corso di laurea in fisioterapia dura 3 anni, dopo un primo semestre dedicato alle scienze di base (come chimica, fisica e biologia), inizieranno i corsi più inerenti alla medicina riabilitativa, come chinesiologia o anatomia palpatoria.

Già dal primo anno verrete catapultati in ospedale, a spezzare le ossa ai malcapitati che vi si pareranno davanti, ma come dice il saggio: “Chi ascolta dimentica, chi vede ricorda, chi fa impara”. 

 

Il connubio tra lezioni, studio, tirocinio e vita privata non è certo di facile gestione, ma quando vedrete il vostro primo paziente lasciare le stampelle e tornare a camminare, ogni sacrificio fatto verrà finalmente ripagato. E se sarete bravi i pazienti vi porteranno anche i pasticcini, cosa dovreste volere di più dalla vita? 

Solitamente fisioterapia, come la maggior parte delle professioni sanitarie, è un corso di studi formato da pochi studenti. Questo significa che conoscerete molto bene tutti i vostri compagni, nel bene e nel male, ma soprattutto avrete la possibilità di avere uno stretto rapporto con i professori e soprattutto con i tutor, durante i tirocini. Generalmente è presente un tutor ogni 2\3 studenti, ma potrà capitare di avere con loro anche un rapporto uno a uno, quindi tutti quanti avrete il vostro gran bel da fare.

 

Cos’altro c’è da sapere? 

Come abbiamo detto, il corso di studi dura “solo” 3 anni, quindi una volta laureati, non sarete di certo dei maestri Jedi della fisioterapia, ma qui arriva il bello. Una volta preso il vostro tanto agognato pezzo di carta, vi si aprirà un mondo di possibilità.

Potrete specializzarvi nel vostro settore preferito: fare un master per diventare degli esperti nella riabilitazione dell’apparato muscolo-scheletrico, in quella neurologica o specializzarvi in settori più di nicchia, come la fisioterapia respiratoria, del pavimento pelvico o in terapia manuale (già vi vedo a fare gli splendidi con gli amici, mostrando loro quanto possa essere croccante un essere umano). Ne nel caso in cui i 3 anni di università non vi fossero bastati potrete anche continuare prendendo la magistrale, con l’intenzione di intraprendere una carriera all’interno dell’università come docenti o ricercatori.

Se invece ne avrete abbastanza di esami e tesi, e non ne voleste più sentir parlare, saranno centinaia i corsi privati a cui potrete accedere. Ad esempio, per gli amanti del macabro esistono dei corsi di anatomia settoria, dove potrete studiare l’anatomia direttamente su cadavere. 

 

Insomma, le possibilità sono davvero tante, per questo quello della fisioterapia è un bellissimo mondo. Ogni giorno si ha la possibilità di poter aiutare qualcuno e di apprendere qualcosa di nuovo, sia dal punto di vista professionale che da quello umano. 

Pronti a mettervi in gioco?

Crediamo in un modo migliore di apprendere e di insegnare, più coinvolgente e basato sulla formazione tra pari.

Vuoi prepararti insieme a noi?

Studenti dei corsi Testbusters
Carrello