L’Università degli Studi di Milano (per i più, semplicemente la “Statale”), rappresenta l’ateneo milanese più antico e quello che, attualmente, vanta più corsi di laurea nel capoluogo lombardo.

Nata nel 1923, ha la sua sede principale in un bellissimo palazzo rinascimentale del centro, la Ca’ Granda di Festa del Perdono, situato a due passi dal Duomo. Purtroppo però, la sede di Via Festa del Perdono è completo appannaggio delle materie umanistiche, e i futuri medici la vedranno probabilmente soltanto al momento della laurea (quindi fra mooolto tempo…).

Tuttavia, la biblioteca di Festa del Perdono è aperta anche il sabato (dalle 9:00 alle 18:00) e fino alle 23:00 nei giorni feriali, perciò potrebbe rivelarsi una preziosa alleata nei periodi di esame. Di domenica è comunque aperta la Biblioteca di Scienze dell’antichità e Filologia moderna, con orario 10:00-18:00.

Oltre a questo, la Statale è presente anche nella più affollata Città Studi, dove diversi edifici situati in zona nord-est di Milano raccolgono tutti i corsi scientifici di laurea. Per quanto riguarda Medicina, però, Città Studi non rappresenta l’unico polo universitario offerto dalla Statale. Gli studenti potranno infatti scegliere fra ben tre differenti Poli.

I POLI:
L’UNIMI presenta tre poli universitari:

  • Il Polo Centrale
  • Il San Paolo
  • Il Vialba (Sacco)

Ognuno di questi tre poli è indipendente dagli altri, presenta un programma diverso e una differente organizzazione.

Ora ne parleremo nel dettaglio, ma è importante sottolineare una cosa: nonostante le diversità, tutti e tre i Poli sono ugualmente validi. L’unica grande differenza è la posizione. Se siete di Milano e volete fare medicina, i criteri migliori su cui vi potete basare per la scelta del polo sono vicinanza e comodità. Di seguito trovate i link contenenti i piani di studio delle strutture e la loro posizione: polo centrale, polo san paolo, polo vialba.

(Ci teniamo inoltre a sottolineare come nelle descrizioni dei poli possano essere sfuggiti commenti dettati da esperienze e opinioni personali: i seguenti paragrafi sono perciò da considerare come utili consigli e nulla di più)

DESCRIZIONE POLI

Il Polo Centrale

Il polo centrale è il più grande dei tre.

Gli studenti sono tanti, e per i primi tre anni vengono divisi in due linee in base al cognome, A-L e M-Z. Alcuni corsi si seguono tutti insieme, mentre altri sono tenuti a gruppi separati. In quest’ultimo caso sono tenuti da professori diversi e a volte presentano anche modalità di esame differenti.
I primi tre anni si svolgono in Città Studi, vicino alle metro Piola e Lambrate (Linea 2). Ci si sposta fra varie aule della zona, ma generalmente ogni anno ha un’aula “principale”. In particolare al primo la maggior parte delle lezioni si svolgono in via Mangiagalli 31.

A partire dal secondo semestre del terzo anno invece ci si sposta in ospedale, e qui le cose si complicano. Il Centrale, infatti, permette di accedere a tre ospedali diversi: il Policlinico di Milano (fermata Missori/Crocetta della M3), il San Donato (nell’omonima frazione della città) e il San Giuseppe (vicino a St. Ambrogio, fermata della M2).

Per poter decidere a quale ospedale accedere è necessario partecipare ad un’altra graduatoria, in cui a contare saranno il numero di esami dati e la media. Questa ulteriore “selezione” non deve però spaventare:

  • generalmente, infatti, ci si riesce a distribuire tra i Poli rispettando le preferenze di tutti o quasi;
  • inoltre è possibile frequentare tirocini in ospedali diversi (anche se le lezioni e gli esami si svolgono sempre nell’ospedale in cui si è stati assegnati).

Primo anno:
Il primo anno al Polo Centrale prevede una serie di esami semestrali e uno annuale (Anatomia).

Primo semestre:

  • Istologia ed Embriologia (7 CFU) → Corso semestrale a linee unite. Esame orale
  • Chimica e propedeutica biochimica (7 CFU) → Corso semestrale a linee divise. Scritto più orale per entrambe
  • Fisica medica (6 CFU) → Corso semestrale a linee divise. Scritto più orale per entrambe
  • Introduzione alla Medicina (4 CFU) → Corso semestrale a linee unite. L’esame prevede una prova scritta a crocette, una piccola relazione di quattro pagine su un tema a piacere e un orale

Secondo semestre:

  • Anatomia umana (18 CFU) → Il corso è annuale, e si tiene a linee unite. L’esame prevede tre prove scritte su tre macro-argomenti distribuite su tutto l’anno (una alla fine del primo semestre e due durante il secondo), una prova scritta di micro-anatomia (osservare e descrivere un vetrino) a fine secondo semestre, ed infine una prova orale su tutto il programma. L’orale è l’unico a contare per il voto, ma per accedervi è necessario superare le altre (nota: nel caso non si passasse uno dei tre scritti in itinere, prima della prova orale, bisognerà superarne una scritta contenente tutti e tre i macro-argomenti).
  • Biologia e genetica → L’esame si tiene al secondo anno. Al primo anno però viene svolta la prima metà del corso

Per poter accedere al secondo anno è necessario superare Istologia e almeno altri due esami. Durante il primo semestre le lezioni durano spesso tutta la giornata, dalle 8:30/9:00 alle 16:00/16:30, anche se gli orari sono piuttosto variabili. Nel secondo, invece, gli orari sono più umani, ma in compenso si fa Anatomia praticamente tutti i giorni. Al pomeriggio, a volte, al posto delle lezioni si tengono esercitazioni di fisica, chimica, micro o macro-anatomia.
Se interessati, l’orario di qualsiasi corso di laurea (e quindi anche di Medicina) può essere trovato a questo link. Unica scomodità è la visualizzazione settimanale.
PRO E CONTRO

PRO

  • È comodo da raggiungere più o meno da ogni parte di Milano;
  • Permette di accedere a tre diversi ospedali;
  • È vero che bisogna dare anatomia in una “botta” sola, ma se tutto va bene, già dalla fine del primo anno, potrete dimenticarvela;
  • Visita in sala anatomica. Da qualche anno a questa parte è nata la tradizione di portare gli studenti del primo anno nella sala anatomica del dipartimento di Anatomia Patologica di via Mangiagalli a vedere “dal vivo” un corpo.

CONTRO

  • È un polo molto grande con molti studenti. Nei corsi seguiti a linee unite si superano tranquillamente le cento persone in aula. Questo comunque può essere sia un pro che un contro a seconda dei gusti personali;
  • Studenti di anni diversi studiano in posti diversi. Non siamo tutti vicini, non abbiamo luoghi di ritrovo in comune, e questo rende un po’ più difficile parlare o chiedere consigli agli studenti degli anni successivi. Bisogna anche dire però, che una volta andati in ospedale le cose cambiano;
  • In Città Studi non c’è una mensa dell’UNIMI, e spesso ci si ritrova a mangiare in aula o in piazza. Per chi detesta la schiscia in ogni caso ci sono fior fiore di paninari e bar in zona, per non parlare della mensa del Politecnico;
  • La segreteria del corso di Medicina è vicino al Policlinico. Questo vuol dire che per i primi tre anni (e anche per gli altri tre se siete al San Donato o al San Giuseppe), arrivarci è scomodo;
  • Anche se stiamo migliorando, quando si tratta di organizzare feste universitarie, non siamo i migliori ma tanto ci imbuchiamo a quelle del Sacco.

Polo San Paolo

Questo polo offre circa 100 posti, e l’ospedale di riferimento è il San Paolo. Di seguito trovate il link dedicato al corso di medicina.
POSIZIONE E COME RAGGIUNGERLO
L’Ospedale San Paolo sorge in quel di Famagosta, zona Milano Sud (posizione esatta su Google Maps), ed è raggiungibile con la M2 (linea verde, fermata “Famagosta” e 10 min a piedi), oppure con gli autobus 98 e 74, che fermano davanti all’ingresso. Per chi arriva in auto il polo è raggiungibile dall’uscita Assago-Famagosta della tangenziale Ovest e in zona, poi, è possibile trovare parcheggi sia liberi che a pagamento (arrivate con anticipo il giovedì, perché c’è il mercato e trovare posto diventa più difficile).
La zona è un po’ “fuori mano” e la struttura ospedaliera non è delle più nuove; tuttavia il Polo universitario è stato ricavato di recente all’interno dell’ospedale e conta perciò una strumentazione mediamente moderna, con aule di nuova fattura.

L’università è situata al 3° piano del blocco centrale: si compone principalmente di un piccolo atrio, un breve corridoio e cinque aule (si sta tutti vicini vicini, dal primo al sesto anno). Una biblioteca disponibile per prestiti, con tavoli per lo studio e piccole aulette si trova poi al piano di sopra.
Per quanto riguarda il cibo, invece, il pranzo al sacco può essere consumato in atrio o nelle aule (insomma, dove capita): se siete amanti della “schiscetta”, infatti, non sono purtroppo previsti spazi liberi per il pranzo al di fuori delle aule stesse, e dovrete un po’ arrangiarvi. In alternativa, ci si può rifocillare con un panino al bar, ordinare qualcosa direttamente al piano o mangiare con 4 euro alla mensa dell’ospedale.
PIANO DI STUDI
Il piano di studi (lo trovate a questo link) prevede la propedeuticità dell’esame di Istologia per passare al secondo anno e di Anatomia (spezzata fra l’altro su due semestri, fra 1° e 2° anno) per passare al terzo.
Inizierete a vedere il reparto durante il secondo semestre del terzo anno.
PRIMO ANNO

L’orario più aggiornato del primo anno è il seguente.
Non siamo ancora in possesso di quello del secondo semestre, ma in generale si seguiranno i corsi di Biochimica, Anatomia (più alcune lezioni ed esercitazioni di Anatomia microscopica) e Biologia.

Primo semestre:
Istologiail corso di Istologia è tenuto dalla professoressa Martinelli, chiarissima e molto disponibile. Con lei si faranno anche delle brevi esercitazioni per imparare a riconoscere un tessuto al microscopio. L’esame è sia scritto che orale, ma niente panico, la Martinelli non vi metterà in difficoltà.

Chimica: al corso di Chimica ci pensa la professoressa Caretti e l’esame è solo scritto. Fino all’anno scorso non si verbalizzava fino a metà del secondo anno, perché faceva parte di un blocco di esami chiamato “Basi Molecolari della Vita”. Da quest’anno invece le cose sono cambiate e si verbalizza insieme a quello di Biochimica alla fine del primo anno

Fisica: il corso di fisica è prerogativa della professoressa Del Favero, l’esame è sia scritto che orale. Anche lei è molto disponibile a dare chiarimenti, soprattutto durante le esercitazioni che si faranno in classe

Medical Humanities: questo è un esame particolare, composto da due prove distinte. Ad occuparsene sono la professoressa Franchini e il professor Battezzati. La Franchini tiene un corso di Storia della Medicina, al termine del quale dovrete produrre una specie di tesina su un argomento a scelta che riguardi questa materia. Ci sarà poi un breve colloquio orale in cui si discuterà il lavoro. Battezzati si occupa invece della seconda parte di questo esame che prevede delle lezioni in classe sull’empatia, la cura della persona e altri argomenti imprecisati. Al fianco di queste lezioni c’è un progetto che si chiama FAP (first approach to the patient) che vi permetterà di passare le mattinate (dalle 7:00 alle 9:00 del mattino) di tre settimane del primo semestre in tre reparti diversi dell’ospedale, dove verrete affiancati a medici o infermieri. Sostanzialmente, l’idea è avvicinare lo studente alla realtà ospedaliera e fargli capire cosa significa essere un medico, ovvero avere a che fare con le persone e la loro sofferenza (detta così sembra una cosa molto peso, ma in realtà può anche essere carino, dipende tutto dal reparto in cui finirete). Al termine di questa esperienza poi dovrete produrre degli elaborati che raccontino un po’ le cose che avete vissuto. Ci sarà infine un colloquio orale per discuterne con il professore.

Durante il primo semestre le lezioni inizieranno sempre la mattina alle 9.30 (orario più che comodo) e spesso dovrete rimanere il pomeriggio per ulteriori ore di lezione o di esercitazione.

Secondo semestre:
Anatomia: il professor Graziano Serrao è l’Anatomia in persona del San Paolo e lo conoscerete all’inizio del secondo semestre (farà solo delle lezioni introduttive). Il libro di testo è l’Anatomia del Gray, più che completo e portatore di lacrime peggio delle cipolle, e qualsiasi altro volume non è contemplato. Al corso di Anatomia è inoltre abbinato quello di Ecografia, inizialmente sull’esplorazione dell’apparato locomotore e, successivamente, riguardante i principali organi splancnici (nota: purtroppo quest’anno, per beghe interne, il corso è andato in stand-by. I rappresentanti degli studenti si sono già mobilitati e si spera possa riprendere a breve). Anatomia del primo anno è tenuto dalla professoressa Bignotto. La prima parte riguarda “architettura e struttura”. L’esame si tiene a settembre, prima di iniziare la seconda parte del corso, il primo semestre del secondo anno con il professor Serrao. L’esame finale di Anatomia si tiene al secondo anno
Biologia: il corso è tenuto dal prof. Gallina, il più delle volte seguibile e sicuramente preparato; l’esame è sia scritto che orale e costituisce la prima parte della prova complessiva di Biologia & Genetica (Genetica verrà fatta al primo semestre del secondo anno)
Biochimica: le lezioni di Biochimica sono tenute dal mitico prof. Ghidoni, molto chiaro e capace di rendere leggero e ancor più piacevole un argomento che già di per sé tenderà ad appassionarvi. L’esame è orale e, prima della sessione, il Ghidoni porterà tutto il corso a cena fuori dal cingalese in zona (se non vi piace il piccante, state molto attenti a quello che prendete dal buffet…siete avvisati).

STUDIARE ALL’ESTERO
Per quanto riguarda la possibilità di studiare all’estero troverete tutte le informazioni del caso a questo link. Invece sul “fronte” dellle mete proposte da UNIMI, le troverete elencate a pagina 9 del pdf che trovate a questo indirizzo.

PRO E CONTRO

PRO
È sicuramente un bell’ambiente, non dispersivo, con gli studenti degli altri anni sempre disponibili verso le nuove matricole
La festa del polo (San Party) organizzata due volte all’anno
Dalle aule alla segreteria e dalla biblioteca alla mensa, tutto è a portata di mano e raggiungibile in un batter d’occhio
Molto vicino alla realtà ospedaliera (si è letteralmente dentro l’ospedale)

CONTRO
La mancanza di un vero e proprio edificio universitario si traduce in aule non sempre libere e pochi luoghi di “pausa”
Non è possibile trovare immediatamente un posto libero per il pranzo al sacco o per lo studio in biblioteca, soprattutto nei periodi “caldi” vicino gli esami.
Forse non così facilmente raggiungibile rispetto al polo centrale

Polo Vialba (Sacco)

Il Polo didattico di Vialba dell’Università degli Studi di Milano è la sede del corso di laurea magistrale a ciclo unico in Medicina e Chirurgia Polo Vialba. È ubicato nella zona nord-ovest di Milano, ma il relativo isolamento geografico è compensato dalle sue ricchezze strutturali e dagli ampi spazi verdi che lo rendono simile all’ideale dei campus anglosassoni.

La struttura è la più moderna tra i Poli del corso e la didattica frontale si svolge all’interno di due settori didattici attigui, contenuti nel perimetro dell’azienda ospedaliera. Sono dotati di aule spaziose con attrezzature multimediali e telematiche sempre all’avanguardia, sale studio, biblioteca, aule informatiche e caffetteria. Dalla sua istituzione si è caratterizzato per la sensibilità all’innovazione didattica e per la stretta integrazione con le strutture dell’Azienda Ospedaliera-Polo Universitario “Luigi Sacco”.
Tutte le lezioni si svolgono dal primo al sesto anno all’interno del polo, con la possibilità di fare tirocinio ospedaliero (a partire dal terzo anno) nei tre principali ospedali di riferimento: Ospedale Luigi Sacco, Fatebenefratelli (situato in zona Garibaldi) e l’Ospedale di Garbagnate Milanese (situato fuori Milano). Per alcuni reparti in particolare sono inoltre disponibili per il tirocinio anche altre strutture, come il Centro Cardiologico Monzino (cardiologia), l’Istituto Auxologico Italiano (endocrinologia), l’Istituto Ortopedico Galeazzi (ortopedia e dermatologia), l’Istituto Neurologico Besta (neurologia) e l’Ospedale Buzzi (pediatria e ginecologia).
L’ampia disponibilità di reparti è una ricchezza per gli studenti, che hanno la possibilità di conoscere diverse strutture ospedaliere durante tutto il percorso di studi.
Il polo è raggiungibile con i seguenti mezzi di trasporto:

  • Tram 1 e 12 (direzione Roserio) fino alla fermata Roserio Ospedale Sacco
  • Passante ferroviario (fermata Milano Certosa), poi tram 1 o 12 (direzione Roserio) per tre fermate fino alla fermata Roserio Ospedale Sacco
  • Linee autobus 560 e 566

La fermata dei tram è praticamente di fronte all’ingresso principale dell’ospedale, mentre quella degli autobus è leggermente spostata. Il Polo di Vialba è raggiungibile a piedi percorrendo un bellissimo viale alberato, oppure con un servizio interno di bus-navetta (fermata E). In alternativa in auto, con apposito pass rilasciato a tutti gli studenti iscritti che permette di posteggiare in un parcheggio riservato vicino ai settori didattici. La sosta al di fuori di questa area è soggetta a sanzione e/o rimozione forzata.

Il piano di studi prevede il blocco del passaggio dal primo al secondo anno se non è stato dato l’esame di Morfologia Umana Microscopica (Istologia) più due esami a scelta entro la fine di settembre. E’ presente anche il blocco dal secondo al terzo, se non è stato dato l’esame di Morfologia Umana Macroscopica (Anatomia) più due esami a scelta entro la fine della sessione invernale del terzo anno.

Primo anno
Il primo anno al Polo Vialba prevede la presenza di esami semestrali con l’eccezione della prova di Morfologia umana macroscopica, con il corso che dura ben tre semestri: dall’inizio del primo anno fino alla fine del primo semestre del secondo anno. Inoltre, tutti i corsi presentano esoneri parziali (scritti) durante il primo anno, ad eccezione del modulo di statistica nell’esame di Biologia e Genetica.
Per quanto riguarda l’orario del primo semestre potete consultarlo a questo link.

Primo semestre

  • Morfologia umana microscopica (7 CFU) → Corso semestrale che prevede una prova scritta, una prova vetrino e una orale
  • Fisica medica (6 CFU) → Corso semestrale con una prova scritta e una orale
  • Chimica e propedeutica biochimica (7 CFU) → Corso semestrale che comprende una prova scritta e una orale
  • Introduzione alla medicina (4 CFU) → Corso semestrale con solo una prova scritta

Secondo semestre

  • Biologia e genetica (12 CFU) → Esame contenente tre moduli, il voto è dato dalla media ponderata dei tre:
    • Biologia cellulare e molecolare (6 CFU) → Esame scritto con la possibilità di fare la prova orale
    • Genetica (4 CFU) → Esame scritto
    • Statistica e valutazione ev. in medicina (2 CFU) → Esame scritto
  • Traumatologia medica (2 CFU) → Parziale del corso di Ortopedia del terzo anno

Annuale

  • Morfologia umana macroscopica (18 CFU) → Corso tri-semestrale (quindi al secondo anno) che prevede prova scritta e orale

Durante il primo anno l’orario di lezioni varia, ma tendenzialmente si inizia dalle ore 8:30/9:00 e si termina alle 16:30/17:00. Solitamente al pomeriggio sono presenti le esercitazioni.

PRO E CONTRO:

PRO

  • Tutte le lezioni si seguono nel polo universitario
  • Ampia scelta di strutture ospedaliere dove svolgere il tirocinio
  • Presenza di aule con computer di ultima generazione, la biblioteca medica più grande di tutta la Lombardia, bar, aula macchinette con microonde e aula microscopia con microscopi ottici
  • Tavolo digitale anatomico per studiare l’anatomia in 3D. Il docente di Morfologia Umana Macroscopica sta inoltre lavorando all’introduzione di visori 3D per lo studio della stessa. Durante il primo anno il prof. propone inoltre corsi di suture e di dissezioni su organi di suino per approfondire lo studio dell’anatomia
  • Ambiente universitario fantastico, puoi confrontarti con ragazzi più grandi che frequentano tutti giorni i tuoi stessi ambienti. Al Sacco si aiutano tutti e, se hai bisogno di appunti o consigli, non esitare a chiedere
  • Per gli amanti della “schiscia” vi sono ampi spazi e prati all’aperto dove consumare il proprio cibo, in caso di pioggia potete mangiare all’interno del Polo nell’aula macchinette o dove trovate posto. È presente una mensa (quella dell’ospedale), che dista circa cinque minuti a piedi. In alternativa c’è il bar che prepara primi e secondi caldi o panini ed insalate e, nel caso in cui non vi bastasse, potete ordinare una pizza da asporto
  • Presenza di attività interne: l’organizzazione de “La grigliata del Sacco” da vita a eventi, feste e attività sportive come tornei di calcio, beach volley e scopone per farti sentire parte integrante del Polo universitario. Le feste sono rigorosamente open bar

CONTRO

  • Il polo è lontano dal centro e un po’ isolato
  • La biblioteca è aperta dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 18:45, quindi ti puoi soffermare per poco tempo

SEGRETERIA STUDENTI

La segreteria del corso di Medicina e Chirurgia ha sede in via Santa Sofia 9, vicino al Policlinico di Milano.

Per contattare la segreteria potete optare fra email o telefono, ma spesso (purtroppo) questo non basta, e dovrete presentarvi di persona. Come si può evincere dal sito, prima di potervi andare è necessario prenotare un appuntamento, ma in casi particolarmente urgenti potete aggirare questo ostacolo.

BUROCRAZIA

Immatricolazione: una volta superato il test d’ammissione clicca sul seguente link, segui le istruzioni e puoi procedere all’immatricolazione senza dover passare dalla segreteria. Il costo dell’immatricolazione dipende dal tuo ISEE (dichiarazione dei redditi).

Consiglio: se hai dubbi o paura di immatricolarti via web, prendi un appuntamento in segreteria!

Trasferimento da un altro ateneo

Per il trasferimento a un corso di laurea ad accesso programmato con test, o a un corso con verifica pre-immatricolazione, è necessario prima presentare la domanda di ammissione al test per corsi di laurea/magistrale. Superata la selezione, sarà possibile immatricolarsi online entro le scadenze previste nei bandi di concorso selezionando la voce “Immatricolazione con trasferimento da altro ateneo”. Sarà poi necessario effettuare un upload della documentazione richiesta per chi si trasferisce che comprende:

  • Autocertificazione della carriera universitaria precedente
  • Ricevuta della domanda di trasferimento effettuata presso l’ateneo di provenienza

Per la convalida degli esami vedi la voce “Trasferimento interno da un corso triennale a medicina e convalida esami”

Immatricolazione con richiesta di convalida di carriera pregressa

Bisogna prima seguire le procedure di immatricolazione. Se hai intenzione di convalidare la tua carriera pregressa è inoltre necessario versare il contributo previsto accedendo al link dei servizi SIFA e seguire le seguenti direttive:

Gestione pagamenti > Contributi per prestazioni d’ufficio > Contributo riconoscimento esami

Trasferimento interno da un corso triennale a medicina e convalida esami

Il costo di trasferimento interno è di 91 euro. Se hai seguito corsi di studio come Biotecnologie, Scienze biologiche o CTF, e hai intenzione di convalidare esami in comune, devi compilare il seguente modulo e consegnarlo personalmente, o da terzi su delega, in segreteria studenti.

Rinuncia agli studi

Puoi effettuare la rinuncia agli studi solo se hai pagato tutti gli importi dovuti, anche senza aver sostenuto esami.

Una volta effettuati tutti i pagamenti bisogna consegnare personalmente, o da terzi su delega, il seguente modulo in segreteria studenti, con una marca da bollo da 16 euro insieme al badge e alla ricevuta di pagamento della seconda rata.

In conclusione, la Statale di Milano è sicuramente una buona Università, in linea generale ben organizzata, che offre anche qualcosa in più oltre al semplice piano di studi (incontri, possibilità di Erasmus, agevolazioni per alcuni eventi e spettacoli e via dicendo).
Infine, ci teniamo a sottolineare nuovamente che i Poli didattici, nonostante presentino alcune sfumature fra loro, sono tutti e tre più che validi e conviene ponderare la scelta in primis sulle questioni logistiche (distanza dal Polo, comodità, vicinanza a casa della nonna per pranzare come un principe, etc…).

Con la speranza di avervi chiarito le idee su uno degli Atenei più famosi d’Italia, vi facciamo un grandissimo in bocca al lupo per tutto ciò che vi aspetta. Ora tocca a voi!