Kit di sopravvivenza: cosa portare il giorno del test

Studiare per il test di medicina è importante, fare esercizi fondamentale, ma bisogna anche arrivare al fatidico giorno con il giusto equipaggiamento. Meglio preparare tutto la sera prima per arrivare calmi e a proprio agio all’aula giusta (informarsi in anticipo riguardo al luogo di svolgimento del test è d’obbligo, soprattutto se non sarà nella vostra città natia). Dunque, cosa mettere nello zaino?

  • Green Pass: come se le cose da ricordare non fossero abbastanza, in base al decreto n.105 del 23 luglio il green pass sarà obbligatorio per sostenere tutti i test di ammissione alle università statali, è dunque fondamentale averlo con voi, pena l’impossibilità di accedere al luogo dove si svolgerà la prova! Vi ricordiamo che il green pass può essere ottenuto con le seguenti modalità (per le informazioni complete vi rimandiamo a www.dcg.gov.it):
    • avendo completato il ciclo vaccinale;
    • avendo effettuato la prima dose da almeno 15 giorni;
    • avendo effettuato il vaccino monodose (Johnson & Johnson) da almeno 15 giorni;
    • essendo risultati negativi ad un tampone molecolare o rapido effettuato nelle 48 ore precedenti; 
    • essendo guariti da Covid-19 nei sei mesi precedenti ed essendo in possesso del certificato di guarigione;
  • Carta d’identità: il documento di riconoscimento è il primo ad essere controllato. Senza, non si può assolutamente svolgere il test. Siate sicuri di averlo messo via, onde evitare inutili (a volte impossibili) corse disperate verso casa.
  • Documenti di iscrizione: ricevuta di pagamento (la cifra varia da ateneo ad ateneo) e ricevuta di iscrizione stampata dal sito di Universitaly.
  • Acqua e cibo: uno snack e un sorso d’acqua saranno fondamentali durante una prova che dura 100 minuti e che richiede un notevole dispendio di energia. Attenzione, però, a non esagerare: l’ultima cosa a cui vorrete pensare sarà la vostra vescica!
  • Orologio: non tutte le aule ne sono fornite. Avere ben chiari i tempi vi eviterà di arrivare all’ultimo minuto senza aver copiato tutte le risposte sull’apposito foglio.
  • Graffetta: i fogli con i quesiti non sono pinzati e anche la griglia per le risposte è separata. Organizzare ciò che avete sul banco ed evitare di mischiare i fogli è il miglior modo per copiare le risposte nel giusto ordine e può evitarvi disastrosi errori di distrazione (parola di chi, a metà test, ha fatto cadere il plico per terra e ha passato i dieci minuti successivi a rimettere tutto a posto).

E, invece, cosa NON portare assolutamente? Innanzitutto, il telefono: va lasciato spento nello zaino, pena l’annullamento della prova. Nemmeno la calcolatrice è ammessa (con le dovute eccezioni, vedi art.9 a pagina 8 del decreto ministeriale), quindi rispolverate le vostre conoscenze delle elementari riguardo moltiplicazioni e divisioni in riga e in colonna! Non serve nemmeno la penna, vi verrà fornita in sede d’esame e dovrete restituirla allo scadere del tempo.

Cosa manca? Soltanto il test!

In bocca al lupo!

Shopping Cart