//Test Medicina 2018: un nuovo cambiamento?

Test Medicina 2018: un nuovo cambiamento?

Potremmo trovarci di fronte ad un altro cambiamento non annunciato, o annunciato in sordina, per i test d’ammissione di Medicina, Odontoiatria e Veterinaria. Per quest’anno, infatti, ci aspettiamo una prova più complessa e approfondita rispetto a quelle andate in scena nel 2016 e nel 2017.



Sul Decreto 2017 leggiamo:

Articolo 2, comma 1
“…Essa (la prova di ammissione n.d.r.) è predisposta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) avvalendosi di soggetti con comprovata competenza in materia, individuati nel rispetto dei principi di imparzialità, trasparenza e riservatezza, tenuti al più rigoroso rispetto del segreto professionale e d’ufficio e della Commissione di esperti, costituita con decreto ministeriale n. 293/2017 citato in premessa, per la validazione dei quesiti a risposta multipla di cui si compone la prova.”

Come sappiamo la commissione MIUR l’anno scorso (2017), come nel 2016, si limitò a validare i quesiti che le furono sottoposti. I quesiti furono formulati (in sub-appalto da CINECA), da un’altra società esterna al MIUR, qui menzionati come “soggetti di comprovata competenza”.

Sul Decreto 2018 invece si legge:

Articolo 2, comma 1
“… Essa (il riferimento è ovviamente sempre al test n.d.r.) è predisposta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) avvalendosi di una Commissione di esperti con comprovata competenza in materia, individuati nel rispetto dei principi di imparzialità, trasparenza e riservatezza, tenuti al più rigoroso rispetto del segreto professionale e d’ufficio.”

Da questo, e dal fatto che effettivamente su sito del CINECA non compare alcun bando di gara per la formulazione dei quesiti per il test 2018, deduciamo che per la prova di quest’anno sarà direttamente la commissione di esperti a predisporre la prova. Un po’ come succedeva fino al 2012, prima dell’era Cambridge.

Che significa questo?

Ci aspettiamo che la commissione di esperti lavori in continuità con i test degli anni 2016 e 2017 ma che, essendo solitamente composta da professori (liceali e universitari), alzi un po’ l’asticella della conoscenza e della competenza dei quesiti in ogni materia.

Come studiare al meglio per il test 2018?

Biologia, Chimica, Matematica e Fisica sono sempre le stesse e non minacciano di cambiare le loro nozioni e competenze base, oggetto del test. Il segreto rimarrà studiare ed esercitarsi. Magari implementando qualche tipologia di esercizio che non è comparsa negli ultimi due anni. Cercando di ampliare il più possibile le abilità a disposizione nel proprio repertorio.
Logica potrebbe subire qualche variazione in più e potrebbe essere il caso di dare ancora una volta un’occhiata ai cari vecchi quesiti Cambridge.

Per ogni dritta, consiglio più specifico e per ogni singola materia vi invitiamo a partecipare alle nostre giornate cittadine (gratuite) o ai nostri corsi intensivi con cui siamo presenti in oltre 20 città d’Italia e dove parleremo anche di: procedure di iscrizione, dinamiche delle graduatorie, impostazione dello studio.

Infine, annunciamo che alla luce di queste considerazioni, oltre che per cercare di portare avanti una causa giusta e utile per tutti coloro i quali si prepareranno quest’estate, ricominceremo a sponsorizzare la nostra petizione per la riattivazione di un Simulatore Online MIUR per il test di Medicina.

Scritto da |2018-07-05T00:07:14+00:002 luglio, 2018|Burocrazia|0 Commenti

Autore:

Corsi di preparazione per il Test di Medicina in promozione fino alle 16:00 del 26 Giugno! Ignora