Guide di Ateneo: Università degli studi di Catania

L’Università degli Studi di Catania è un’università statale italiana, la più antica del Mezzogiorno subito dopo l’Università di Napoli, e tra le maggiori per numero di iscritti. Tra le varie facoltà offre il corso di laurea magistrale a ciclo unico sia di Medicina e Chirurgia sia di Odontoiatria e Protesi Dentaria, oltre alle lauree in Professioni sanitarie, Biotecnologie e Scienze motorie. 

Le lezioni di questi corsi di laurea vengono tipicamente svolte in tre sedi molto vicine tra loro:  

  • La Torre Biologica, una struttura di recente costruzione che presenta all’interno diverse aule per le lezioni, un’aula magna e tre ampie aule studio molto frequentate
  • Il Polo Basile, anch’esso di recente costruzione, in cui sono situate tre grandi aule destinate alle lezioni e altrettante aule studio. Nel suddetto edificio è ubicato anche l’ufficio del Presidente del corso di laurea proprio per permetterci di avere agevolmente la possibilità di confrontarci con lui e con la segreteria
  • L’edificio 13 al Policlinico, sede storica del nostro corso dove generalmente vengono svolte le lauree e le principali conferenze. Anche qui sono presenti delle piccole aule studio al piano terra e una grande al primo piano. Inoltre, al secondo piano è situata anche la biblioteca della Facoltà.

COME ARRIVARE

Per raggiungere l’Ateneo è possibile usufruire dei servizi pubblici, gratuiti per tutti gli studenti in possesso della carta dello studente: in particolare le linee 442 e BRT per quanto riguarda gli autobus, oppure utilizzando la metro e scendendo alla fermata “Milo”.

Per chi invece preferisce raggiungere la sede tramite mezzo proprio è possibile parcheggiare al “Multipiano” situato accanto al Polo Basile usufruendo della tariffa agevolata per studenti, di 0,70 € per mezza giornata. Le altre opzioni sono i due parcheggi gratuiti per i motorini situati uno appena dopo l’ingresso per le “Torri Biologiche” che utilizza un sistema di apertura tramite carta dello studente, l’altro all’interno del Policlinico; infine l’ultima opzione è parcheggiare, sempre gratuitamente, al parcheggio scambiatore “Santa Sofia” così da fare anche un po’ di cardio mattutino per raggiungere l’Università.

DOVE MANGIARE

L’Ersu Catania offre un servizio ristorazione che dà la possibilità a tutti gli studenti iscritti di accedere alle mense universitarie per consumare un pasto in un ambiente amichevole e vicino alle sedi dei corsi. I menù variano giornalmente; gli orari di fruizione del servizio sono affissi all’ingresso di ogni sala di ristorazione. Per accedere al servizio ristorazione gli studenti dovranno essere muniti dell’apposito tesserino, che viene rilasciato a coloro che partecipano al concorso per la borsa di studio.

DESCRIZIONE CANALI E PIANO DI STUDI  

Presso il nostro Ateneo, gli studenti ammessi alla Facoltà di Medicina e Chirurgia vengono suddivisi in 4 canali: A, B, C, D.

Ma come avviene l’assegnazione degli studenti nei canali? Viene seguito un criterio nominale: in base al cognome, infatti, si stabilisce di che canale si fa parte. 

Considerando che solitamente sono disponibili circa 300 posti per l’accesso a Medicina, ogni canale contiene circa 75 studenti.

Questa suddivisione in canali riflette anche un’altra peculiarità: non tutti hanno gli stessi docenti per la medesima materia, per cui si possono riscontrare alcune differenze ad esempio nello svolgimento delle lezioni o nella modalità degli esami.

Infine, questa suddivisione smaltisce il numero di studenti che ha accesso ai reparti durante la turnazione per completare le ore di tirocinio previste dal piano di studi.

Nello specifico, facendo riferimento all’anno precedente, da bando ministeriale, per la Facoltà di Medicina e Chirurgia sono stati messi a disposizione 299 posti per studenti comunitari e 5 posti per studenti non comunitari residenti all’estero. Per Odontoiatria e Protesi Dentaria, rispettivamente, 24 posti per studenti comunitari e 1 solo posto per studenti non comunitari residenti all’estero.

 

Gli studenti hanno la possibilità di svolgere attività di tirocinio e di frequentare i diversi reparti dei seguenti ospedali siti a Catania già dal primo anno:

1. Azienda Ospedaliero-Universitaria Vittorio Emanuele. Presidi:

  •  Presidio Policlinico G. Rodolico – Via S. Sofia, 78
  •  Presidio Ospedaliero San Marco – Viale Carlo Azeglio Ciampi

2. Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale e di Alta Specializzazione Garibaldi. Presidi:

  • Garibaldi Centro – Piazza S. Maria di Gesù, 5
  • Garibaldi Nesima – Via Palermo, 636

3. Azienda Ospedaliera per l’emergenza Cannizzaro – Via Messina, 829

4. IOM (Istituto Oncologico del Mediterraneo) – Via Penninazzo, 7, 95029 Viagrande CT

 

Lo studente dovrà svolgere attività formative professionalizzanti frequentando i reparti di tali strutture per un numero complessivo di 60 CFU. I reparti, così come la struttura ospedaliera, vengono di volta in volta assegnati dalla segreteria del corso di laurea. 

Il tirocinio dei primi due anni prevede un’attività di nursing per l’introduzione dello studente all’attività di tirocinio professionalizzante che si svolge a partire dal terzo anno, in concomitanza allo studio delle materie cliniche, che ha inizio al secondo semestre di quell’anno. 

Informazioni utili sulla Facoltà

PIANO DI STUDI

Ci si può fare un’idea di come vengono suddivise le lezioni del Primo anno tra primo semestre e secondo semestre.

In genere le lezioni si svolgono solo la mattina, ciò permette di avere più tempo per lo studio al pomeriggio (si spera non solo per quello).

Considerate comunque che gli orari possono subire delle modifiche, soprattutto nel corso degli anni.

PRIMO ANNO

Il primo anno prevede lo studio di materie prevalentemente di base, approfondite sempre a sfondo medico.

Nel primo semestre si seguono le seguenti materie:

  1. Biologia e Genetica (10 CFU) – prevede un esame scritto con 4 domande a risposta aperta seguito poi da un esame orale
  2. Chimica e propedeutica a Biochimica (6 CFU) – comprende sia Chimica Inorganica che Chimica Organica dando una visione ben più approfondita della chimica studiata per il test. L’esame prevede una prova scritta a discrezione del docente seguita da un colloquio orale
  3. Un corso integrato di Fisica-Informatica-Statistica (10 CFU): questa tipologia di corsi è molto comune a Medicina. Vengono effettuati esami separati per tutte le materie del corso, in questo caso tre prove scritte, che però verranno valutate come esame unico (media ponderata). Lo scritto di fisica consiste in problemi con risposte multiple. La prova di informatica comprende domande a risposta aperta in cui dimostrare la comprensione dei passaggi necessari ad una determinata operazione. Lo scritto di statistica è misto.

 

Nel secondo semestre invece si affrontano:

  1. Istologia ed Embriologia (7 CFU) – esame unico, esclusivamente orale. Sicuramente il più pesante del primo anno. È infatti consigliabile cominciare a studiare sin da subito la materia così da essere al passo. Sono previste delle ore in laboratorio di istologia dove si possono osservare dei vetrini di tessuti al microscopio
  2. Anatomia I (6 CFU) – costituito da un esame anch’esso orale che spesso inizia con la descrizione di un osso di cui viene fornito il modello allo studente. Per poterlo effettuare è necessario avere frequentato la sala modelli per almeno 12 ore. Sotto la supervisione del professore di anatomia, si esegue in gruppetti anche una dissezione di cuore di maiale. Il programma copre gli apparati locomotore, cardiocircolatorio e linfatico. Il resto dell’anatomia (splancnologia e neuroanatomia) è incluso nell’esame di Anatomia II al secondo anno. È raccomandato l’uso di un atlante (Netter, EdiErmes, Prometheus ecc) per accompagnare lo studio della materia.
  3. Inglese scientifico (6 CFU – l’esame cambia a seconda del canale di appartenenza: due canali prevedono un colloquio orale e una prova in itinere, gli altri due un esame scritto.
  4. Scienze umane (6 CFU – un corso integrato articolato in Storia della Medicina, Bioetica e Demoetnoantropologia. Le modalità d’esame cambiano ogni anno. Spesso per Antropologia è richiesta una tesina sul rapporto medico-paziente cui segue un colloquio orale.

 

Per ognuna di queste materie è necessario frequentare il 70% delle lezioni per potere sostenere l’esame. Inoltre, per superare l’anno si devono raggiungere 26 CFU. Durante l’anno è previsto un tirocinio di nursing di 2 CFU che permette di avere un primo approccio con il mondo ospedaliero.

Secondo Anno

Il superamento di determinati esami durante il primo anno è propedeutico, oltre che necessario, per poter svolgere gli esami del secondo anno. Stesso discorso dal secondo al terzo. 

  1.   BIOCHIMICA (10 CFU) – generalmente viene divisa in due parti: Biochimica 1 e 2. 
  2.   ANATOMIA II (10 CFU) – le lezioni sono suddivise tra il primo e il secondo semestre del 2°anno. La frequenza della sala modelli per Anatomia II non è obbligatoria come per Anatomia I. L’esame è orale ed il suo superamento è necessario per svolgere l’esame di Fisiologia.
  3.   MICROBIOLOGIA (7 CFU) – suddivisa in tre moduli (Batteriologia, Virologia e Micologia/Parassitologia) necessaria, insieme a Biochimica, per svolgere l’esame di Medicina di Laboratorio al 3°anno. L’esame è orale. La materia è la più tosta del secondo anno ed è spesso il motivo per cui molti studenti rimangono indietro con gli esami.
  4.   FISIOLOGIA 1 (13 CFU) – corso integrato comprendente Biofisica (fisiologia cellulare) e Fisiologia 1 che copre gli apparati cardiocircolatorio, respiratorio, digerente e urinario. La parte di neurofisiologia viene completata insieme allo studio del sistema endocrino nel corso di Fisiologia 2 durante il primo semestre del 3° anno. L’esame comprende due scritti modalità vero/falso e un orale. 

Durante il secondo semestre iniziano inoltre le lezioni del corso integrato di Patologia Generale che si prolungano fino alla fine del primo semestre del terzo anno.

STUDIO ALL’ESTERO

  • Primi 3 anni (n.b. per il Pasteur anche il quarto va bene)
    • Amgen Scholars
      Il programma Amgen Scholars offre agli studenti l’opportunità di seguire una summer school in uno degli istituti d’eccellenza designati (Cambridge, Karolinska, Pasteur, Ludwig Maximilians di Monaco, Politecnico di Zurigo) durante la quale svolgere attività di ricerca di base. Per quanto sia rivolto principalmente a studenti con una formazione in una scienza di base, più che a studenti di Medicina, è una borsa molto competitiva che può permettere di stringere contatti importanti. Ma bisogna pensarci con largo anticipo…
      L’application avviene seguendo le informazioni relative a ogni istituto, le richieste per ogni istituto sono separate ed è permesso inviarle a più di uno contemporaneamente.

La borsa comprende ovviamente un premio in denaro e la possibilità di seguire le attività di ricerca di un laboratorio scelto, con una presentazione finale che raccoglie tutti gli amgen scholars di quell’anno in un’unica grande conferenza.

Uno studente della scuola superiore di Catania (Daniele Scarcella, studente di biologia alla Triennale) è stato preso nel 2018 al programma del Karolinska Institute.

  • Dal quarto anno in poi:
    • Giovanni-Armenise Summer Fellowship
      La Giovanni-Armenise Summer Fellowship (GASF) è una borsa che permette di svolgere un periodo di attività di ricerca di base in un laboratorio affiliato alla Harvard Medical School. 

La borsa è offerta a studenti dell’ambito biomedico (questa è molto più vicina all’ambito medico, rispetto ad amgen scholars) selezionati grazie a un’application sul sito della Armenise-Harvard Foundation.
La borsa consiste in un premio in denaro (€ 2700,00) e permette di seguire le attività di ricerca del lab designato e di partecipare a dei seminari settimanali di introduzione alla ricerca.

Nell’anno 2019 uno studente del IV anno di Medicina di Catania è stato selezionato insieme ad altri undici da tutta Italia (di cui circa il 50% erano studenti di Medicina).

  • Erasmus 
    • Traineeship: permette di effettuare un periodo di tirocinio (attività clinica o di ricerca) in un istituto europeo ( deve far parte dei programme countries dell’Erasmus + program) con cui lo studente ha un contatto ed è stato in grado di stringere accordi (detto in soldoni, ve la dovete sbrigare da soli). La graduatoria è ampiamente accessibile e sono offerte tante borse (anche se dall’ammontare molto basso). Il periodo va dai tre mesi al massimo di un anno.
    • Studio: programma diverso in cui si frequenta almeno un semestre in un altro ateneo. Si può andare solo negli istituti partner dell’Università di Catania. Buono per periodi lunghi, un po’ più rischioso per gli esami (non è detto che le convalide siano tutte accettate).

BUROCRAZIA

Per l’espletamento delle pratiche riguardanti l’Ateneo, la Segreteria degli studenti si trova all’interno della Cittadella Universitaria in via Santa Sofia 64 ed. 11- 95125 a Catania.

Telefono: 095 7386113

Orari di ricevimento

  • Lunedì: 10:00-12:30
  • Martedì: 10:00-12:30 / 15:00-16:30
  • Giovedì: 10:00-12:30 / 15:00-16:30
  • Venerdì 10:00-12:30

Segreteria degli Studenti e Presidenza della Scuola di Medicina

La segreteria didattica e la Presidenza della scuola di Medicina si trovano in via s. Sofia n. 89, all’interno del Polo Didattico Attilio Basile.

Orari di ricevimento: Martedì e Venerdì dalle 10:00 alle 13:00.

Telefono: 095 4789306 ; 095 4789307

Mail: presidenzamedicina@unict.it ; gm.morso@unict.it (responsabile)

Fax: 095 3781311 

IMMATRICOLAZIONE

Per accedere ai corsi di laurea e laurea magistrale a ciclo unico è necessario:

  1. Sostenere una prova di ingresso (alcune prove ammettono a un solo corso di studio, altre a più corsi. Nel caso in cui si decida di partecipare ad una prova che consente l’ammissione a più corsi di studio, è obbligatorio indicare la preferenza in ordine di importanza)
  2. Superare la selezione prevista dal bando di ammissione
  3. Accedere alla pagina personale del portale studenti
  4. Selezionare la voce ‘Immatricolazione’
  5. Compilare la domanda di iscrizione online, confermando l’autocertificazione reddituale sulla base del valore isee 2019
  6. Effettuare il pagamento della prima rata pari a 156 euro entro la data di scadenza indicata nel relativo bando, seguendo le procedure riportate in questa pagina.  

N.B. L’immatricolazione si ritiene conclusa soltanto dopo il pagamento della prima rata di iscrizione. Consulta sempre il bando, per conoscere le procedure dettagliate e le scadenze. Per eventuali dubbi consulta la Guida per lo studente a.a. 2019/2020.

Trasferimento e passaggio di corso:

I trasferimenti da altri  atenei  e  i  passaggi  interni  al  nostro Ateneo sono regolamentati da un apposito bando che  viene  pubblicato, sul sito dell’Ateneo, alla  sezione “Didattica –> Immatricolazioni  e  iscrizioni”, di norma nel mese di giugno. 

Per effettuare il trasferimento da un altro corso di studio, all’interno dello stesso Ateneo, è necessario:

  1. Accedere al portale studenti
  2. Andare alla sezione ‘’Carriera’’ –> ‘’Domande” –> “Istanza di rinuncia agli studi”
  3. Compilare e firmare il modulo di domanda di trasferimento ad altro corso di studio, pagando un’imposta di bollo di 16 euro;
  4. Immatricolarsi, successivamente, all’apposita sezione “Immatricolazione”, del portale studenti.

Per effettuare il trasferimento ad un altro ateneo è necessario seguire alcuni passaggi:

  1. Informarsi presso l’ateneo d’interesse sulle modalità d’iscrizione al corso di studio scelto
  2. Chiedere il nulla osta al trasferimento all’ateneo di destinazione
  3. Effettuare il versamento di 100 euro secondo le modalità standard di pagamento di tasse e contributi
  4. Compilare e firmare il modulo di domanda di trasferimento con imposta di bollo di 16 euro
  5. Consegnare il modulo, la copia della ricevuta di pagamento della tassa di trasferimento e il nulla osta dell’università di destinazione al settore carriere studenti di competenza.

Per chi invece non riuscisse ad entrare a Catania al primo colpo, o per chi, previdente, volesse crearsi dei piani B, ecco qua un prospetto di quelli che sono in linea di massima gli esami convalidabili:

  • Chimica e propedeutica Biochimica e Fisica dal corso di laurea in Scienze Biologiche
  • Fisica, Microbiologia e statistica dal corso di laurea in Farmacia
  • Chimica e propedeutica Biochimica e Fisica dal corso di laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche (CTF)
  • In maniera ufficiosa, Informatica dalle facoltà di CTF e Farmacia, può essere convalidata a discrezione del professore.

RINUNCIA AGLI STUDI

Gli studenti hanno facoltà, in qualsiasi momento, di chiudere la propria carriera universitaria. La richiesta si inoltra mediante compilazione di apposito modulo, corredato dalla marca da bollo da € 16,00, da consegnare al settore carriere studenti competente.

Per ogni dubbio circa le procedure burocratiche, potete collegarvi al portale dell’Università degli Studi di Catania dove troverete tutte le istruzioni necessarie. Se, dopo aver letto attentamente i documenti ufficiali, avrete ancora dubbi o domande, non esitate a contattare la segreteria. Evitate di fare le cose per “sentito dire”, la segreteria è il canale più ufficiale e sicuro che ci sia.

PRO E CONTRO

  • PRO: la possibilità di effettuare un tirocinio sin dal primo anno di studi; le sessioni di esami extra di dicembre ed aprile in aggiunta a quelle normali; i corsi di BLS e BLSD; i corsi di sutura e le attività organizzate da associazioni studentesche, quali la “clown therapy”
  • CONTRO: la Facoltà pecca nell’organizzazione e nella tarda pubblicazione del calendario degli esami, dei tirocini e delle lezioni.

 

CONCLUSIONI

Studiare Medicina all’Università di Catania rappresenta una grande sfida e contemporaneamente una grande opportunità. A fronte di un carico di studio sicuramente impegnativo si ha, infatti, la possibilità di frequentare non solo i corsi ordinari organizzati dall’Ateneo, ma anche quelli promossi dalle numerosissime associazioni studentesche, territoriali e sociali.

Dal punto di vista pratico in reparto, dottori e professori sono spesso e volentieri disponibili ai bisogni degli studenti e rappresentano una grandissima fonte di esperienza. Infine, per non concentrarsi troppo sullo studio, ricordiamoci che Catania è definita la “Milano del Sud”, ovvero la città del Mezzogiorno dove la movida è più attiva e dove riesce meglio a distrarre gli studenti dai loro noiosi libri.

La scelta perfetta per un giovane aitante studente di Medicina!

Shopping Cart