//10 cose da non fare il giorno prima del test

10 cose da non fare il giorno prima del test

Non so se vi ricordate l’inizio del secondo capitolo dei Promessi Sposi. Probabilmente no, ma comunque si parla di un certo principe di Condé che “dormì profondamente la notte avanti la giornata di Rocroi”. Ora, a noi non è che importi particolarmente sapere quale battaglia si combatte a Rocroi (a meno che non capiti in cultura generale… andatevelo a cercare che è meglio), ma quello che ci interessa è che dormì profondamente. Prima della battaglia decisiva Condé ha DORMITO.

Bene, voi avete studiato per tutta l’estate, avete sudato e faticato, ora c’è la battaglia decisiva. Molti di voi non hanno mai affrontato un test: non è come una verifica, non è come un esame, e nemmeno come la maturità. Quindi accettate qualche modesto consiglio da chi sa cosa significa l’ansia prima della battaglia.

Le 10 cose da NON fare il giorno prima del test di Medicina:

  1. NON svegliatevi tardi!
    Impostate almeno una decina di sveglie come fa un vero e proprio ossessivo compulsivo come me.
  2. NON bevete troppo caffè
    Fidatevi!
  3. NON andate a letto tardi
    Cosa che accadrà inevitabilmente se non avrete seguito il punto 2: il classico consiglio da mamma, è vero. E so benissimo che tanto anche se andaste a letto alle nove non vi addormentereste prima delle tre. Però pensateci, perché se invece andaste a letto all’una vi addormentereste alle cinque. Tanto vale provare ad anticipare, no? Insomma, cercate di essere un po’ dei Condè.
  4. NON mangiate pesante la sera prima
    Tipicamente il giorno prima del test si presenta a casa vostra la nonna (o la zia, la vicina impertinente, la cugina di 13esimo grado) che, oltre a ripetervi l’ennesimo in bocca al lupo (con i tuoi crepi riusciresti ad ammazzare 3-4 branchi interi), e magari fornirvi portafortuna/talismani/santini vari, vi porta “giusto un assaggino” (quantità che giusto per la cronaca potrebbe sfamare l’Africa intera) del vostro piatto preferito. Ecco, non esagerate. Se poi vi appesantite, dormite male e non rendete bene al test, oltre magari a qualche problemino gastro-intestinale.
  5. NON uscite a bere la sera prima del test
    L’amore della vostra vita (l’alcol, non la ragazza o il ragazzo eh) vi chiede di uscire proprio quella sera? Non è una buona idea, non cedete! Fatelo il giorno dopo; l’attesa è essa stessa il piacere. Almeno… Così dicono.
  6. Cercate di NON perdere la pazienza
    Preparatevi psicologicamente e siate consapevoli del fatto che le parole che pronuncerete più spesso saranno “crepi” e “grazie” con una media di una decina al minuto l’una, più qualche insulto vario. Tenete i nervi saldi che poi sennò vi agitate e non dormite.
  7. Qui viene il bello: NON STUDIATE
    Non troppo. Ripassate le cose che di solito non ricordate o quelle da sapere a memoria. Stop. Se vi viene in mente che c’erano altri due capitoli di chimica che vi eravate totalmente dimenticati e decidete di farli l’ultimo giorno… Servirà solo a confondervi e a farvi venire più ansia.
  8. NON fatevi cogliere impreparati
    Cercate di prevedere tutto il prevedibile. Questo non vuol dire presentarsi al test equipaggiato peggio di Bear Grylls. Guardate come sarà il tempo, controllate la strada, decidete prima come vestirvi, preparate la borsa. Il giorno dopo sarete troppo concentrati anche per abbinare una maglietta a un paio di jeans. E poi magari non riuscirete comunque ad addormentarvi perchè vi tormenterà il dubbio che blu e giallo forse fa un po’ troppo Ikea e stava meglio il bordeaux.
  9. NON dimenticate niente
    Sì, direte, facile dirlo. Come quando uscite di casa e uno vi chiede “hai preso tutto?” E voi “sì, certo” e due minuti dopo tornate indietro a prendere cellulare, portafoglio e chiavi di casa. La differenza è che al test non potete tornare indietro. Quindi controllate di avere tutto il necessario: documenti, ricevute, orologio, snack…
  10. NON abbiate troppa ansia
    Consiglio inutile. Ma potevo non metterlo? Magari qualcuno lo rispetterà.
Scritto da |2018-11-21T17:41:26+00:0027 agosto, 2018|Analisi & Opinioni|0 Commenti
Elisabetta de Felice
Classicista mancata, per cause ancora da chiarire mi sono ritrovata a studiare medicina al San Raffaele. L'unica cosa certa è che devo rendere grazie a Testbusters, che mi ha dato la carica e il supporto necessari per passare il test. A parte una lievissima fissazione per lo sci, ho un debole per la scrittura e l'insegnamento: perciò, eccomi qua. Sono nel team di Biologia.

Manuali in Prevendita. Verranno spediti da Fine Gennaio Ignora