//Come sopravvivere al primo semestre universitario?
  • Come sopravvivere al primo semestre universitario

Come sopravvivere al primo semestre universitario?

Passare il test d’ingresso è una grande soddisfazione che richiede molto impegno e molte energie. Una volta raggiunto questo grande traguardo, inevitabilmente ci si ritrova, a settembre, tra graduatorie e immatricolazioni, con nuovi libri da studiare e un tempo piuttosto ridotto per poter riposare come si deve.

Iniziato il corso di laurea, le matricole sembrano dimenticare di colpo le abitudini sviluppate durante le superiori per far fronte a interrogazioni e compiti in classe. Diciamo la verità: l’idea di non rischiare di essere chiamati alla lavagna dai professori è qualcosa che un neo studente universitario vuole godersi fino in fondo.

Conoscere nuovi compagni, trasferirsi e ambientarsi in una nuova cittá, realizzare che dopo le lezioni non ci sono verifiche da preparare elettrizza anche i più ligi al dovere. Nell’euforia di queste prime settimane da matricole, peró, il tempo passa in fretta e gli esami, quegli sconosciuti di cui si è sentito solo parlare, si avvicinano.

Perció, come si sopravvive al primo semestre universitario?

Da ottobre a gennaio avrete molto tempo a disposizione per conoscere e toccare con mano la vita in ateneo in tutte le sue sfaccettature; ne avrete sicuramente anche per leggere e sottolineare i nuovi libri acquistati, cominciando a creare i vostri schemi e le vostre abitudini di studio.

L’idea che si abbiano lezioni al pomeriggio può destabilizzare ed erroneamente può portare a pensare che se le lezioni terminano alle 17 è impossibile portarsi avanti con lo studio. Niente di più falso e accomodante ed è appunto questo il concetto da tenere bene a mente: ciò che fate del vostro tempo è cruciale.

L’organizzazione del tempo è nelle vostre mani

Imparare a gestire in maniera ottimale il tempo a vostra disposizione è importantissimo.
Decidere di iniziare a studiare a metà dicembre per 3 – 4 esami da dare tra gennaio e febbraio, ad esempio, potrebbe non essere una scelta molto saggia.

Se riuscite, cercate di ritagliarvi due ore di studio al giorno nelle giornate più impegnative per poi riprendere tutto nelle giornate più libere e vedrete che la vostra prima sessione d’esami andrà a gonfie vele.

Inoltre, non dimenticatevi che le nuove amicizie che stringete saranno le stesse che ritroverete a lezione, in reparto, in compagnia e per alcuni di voi anche in casa. Cominciate a capire quali siano le persone con abitudini simili alle vostre nella vita universitaria, traete vantaggio da chi ritenete abbia più forza di volontà di voi, ad esempio studiando insieme, e vedrete che gli anni voleranno senza che ve ne accorgiate.

Buon inizio ragazzi!

Scritto da |2018-11-28T21:30:33+00:0022 novembre, 2018|Orientamento|0 Commenti
Stefania_Ambrogio
L'estetica del sorriso una fissazione, il test un ostacolo. Stefania Ambrogio, classe 1993, oggi studentessa di Odontoiatria. Testbusters mi ha incoraggiata a dare il massimo al test e ancora oggi ci sono dentro, collaborando per la sezione di biologia.

Corsi di preparazione per il Test di Medicina in promozione fino alle 16:00 del 28 Marzo! Ignora