Scuola Superiore Sant'Anna

Guide di Ateneo: Scuola Superiore Sant’Anna

La Scuola Superiore Sant’Anna è  un istituto universitario pubblico e gratuito a statuto speciale, che opera nel campo delle scienze applicate.

Nella classe di Scienze Sperimentali si trova il settore di scienze mediche. Gli Allievi di medicina seguono le lezioni presso l’Università di Pisa a cui affiancano un percorso di formazione integrativo interno alla Scuola Sant’Anna, che comprende i corsi Ordinari e altre attività extracurricolari, come soggiorni in università e centri di ricerca italiani ed esteri, tirocini e partecipazione a seminari tenuti da esponenti della comunità scientifica.

Al completamento di questo percorso viene conferito un diploma riconosciuto a livello internazionale come Master di secondo livello.

La Scuola è completamente gratuita; fornisce agli Allievi vitto ed alloggio in uno dei collegi storici e un contributo economico annuale distribuito secondo le classi di ISEE.

ACCESSO

Per accedere al Sant’Anna è necessario superare un concorso interno oltre a quello nazionale di medicina. Il concorso può essere sostenuto sia da studenti al primo anno che da studenti che hanno già frequentato uno o due anni di medicina (anche in altre sedi universitarie italiane), i quali, nel caso di superamento del concorso, dovranno effettuare un trasferimento all’Università di Pisa.

Tra gli obblighi didattici risultano:

        mantenere una media superiore o uguale a 27/30

 

        frequentare un corso di lingua all’anno a scelta tra inglese, spagnolo, francese, cinese, russo organizzati a più livelli

        frequentare corsi aggiuntivi di didattica interna.

 

Collegi

è in una posizione centralissima di Pisa, si trova tutto nelle vicinanze, compresa piazza delle Vettovaglie e piazza dei Cavalieri (luoghi della movida pisana). Davanti alla Scuola c’è un parcheggio in piazza Santa Caterina. La stazione dista 20 minuti a piedi ma si può raggiungere o con la bici o con i mezzi pubblici, così come l’aeroporto. Il polo di medicina dell’ Università di Pisa destinato ai primi tre anni (Polo Porta Nuova) dista circa 20 minuti a piedi. Il campus sorge negli ambienti dell’ex convento trecentesco di Sant’Anna, quindi è ricco di giardini, chiostri e portici. Esso ospita la mensa, che fornisce pranzo, cena e colazione gratuiti a tutti gli Allievi. Inoltre, il campus comprende diverse aule studio e una biblioteca. Tra gli altri servizi, in Sede Centrale trovate:

  • una palestra al chiuso
  • una all’aperto di Calisthenics
  • stanze ricreative

GLI ALLOGGI

Le camere in sede centrale sono doppie e singole con bagno in comune.

è distante meno di 100 m dalla sede centrale. Le camere sono doppie e singole,  alcune con il bagno privato. Sono disponibili 6 aule studio, un’aula proiettore e la sala colazioni che spesso sono riconvertite in altri luoghi di studio durante la giornata.

  •       Collegio Alessandro Faedo, in via del Giardino n.3
    dista 5 minuti dalla Sede Centrale: è una struttura piuttosto recente condivisa con la Scuola Normale Superiore. Presenta solo camere singole con bagno privato e una sala colazioni. Al piano -1 si trovano: una palestra, la sala colazione, una sala computer, una stanza ricreativa con 3 biliardini, una sala videogiochi e una sala cinema.  Ci sono anche due cucine a disposizione degli allievi.

FACOLTÀ DI MEDICINA

 

Primo anno

Ogni anno oltre agli esami di Unipi bisogna sostenere gli esami dei corsi interni.  Bisogna totalizzare almeno 5 CFU (1 CFU corrisponde ad un corso di 10 ore) tra i corsi del proprio settore e 2 CFU di corsi interni extra settoriali (a scelta nella programmazione didattica dei settori di ingegneria, agraria, biotecnologie, scienze politiche, giurisprudenza ed economia). Il piano di studi del primo anno tuttavia prevede alcuni corsi obbligatori:

  •       Comunicazione scientifica, 2 CFU: insegna a consultare e a scrivere pubblicazioni scientifiche. Uno dei corsi ad avviso degli allievi che più si rivela utile nel lungo periodo. 
  •       Introduzione alla ricerca sperimentale e clinica, 1 CFU: tenuto da un professore che si occupa di ricerca clinica. Il corso come suggerito dal titolo offre un quadro generale della ricerca sperimentale soffermandosi sulle criticità e sulla sua necessità. 
  •       Introduzione alla ricerca di base, 1 CFU: un corso che insegna quali siano gli strumenti della ricerca di base e come usarli. A questo si affianca un piccolo tutorato in laboratorio con lo scopo di prendere dimestichezza con gli strumenti essenziali. 
  •       Orizzonti in medicina e biologia: più che un corso inteso tradizionalmente è un ciclo di seminari tenuti da professori/ricercatori da tutto il mondo, a cui possono partecipare interni (Allievi di ogni anno e di ogni settore) ed esterni (spesso incontriamo dei professori dell’Università di Pisa).
  •  Biostatistica (extrasettoriale), 2 CFU: questo corso ricorda quello di statistica medica del primo semestre del primo anno all’Università di Pisa. Tuttavia, permette di capire anche quando usare i test statistici, e di svolgere gli esercizi con l’ausilio di software informatici.
Secondo anno

Dal secondo anno in poi è possibile compilare il proprio piano di studio con i corsi che si preferiscono, descritti a questo link.

Tra i più quotati al secondo anno ricordiamo:

  •     Complessità e Riduzionismo delle Scienze della Vita
  •     Laboratorio di Cardiologia Sperimentale
  •     Medicina Rigenerativa
  •     Introduzione alla Ricerca in Neuroscienze
  •     Medicina Climatica e Ambientale

Tutor

Ogni Allievo è seguito da un tutor, un professore della Scuola, con cui ci si confronta per questioni riguardanti il proprio piano di studi, i soggiorni fuori sede (vedi sezione successiva), e più in generale il percorso dell’ Allievo. Normalmente ogni tutor segue circa 7 Allievi.

 

Scambi con l’estero ed SFS (soggiorni fuori sede)

Una grande opportunità offerta dalla Scuola è la possibilità di svolgere periodi di tirocinio laboratoriale e/o clinico in Italia e all’estero fin dal primo anno.

La durata del soggiorno può variare da poche settimane a diversi mesi, durante i quali si è coinvolti attivamente in un gruppo di ricerca, nel caso di un laboratorio, o in un’equipe medica nel caso di un ospedale.

 La Scuola offre un canale di accesso per numerose università e centri di ricerca e finanziandone la permanenza.

La Scuola ha stipulato numerose convenzioni con ospedali e laboratori in tutto il mondo. Oltre al già citato ospedale SickKids di Toronto, anche il laboratorio di neuroscienze del Collége de France (Parigi) è visitato da almeno un Allievo all’anno. L’ambito di ricerca clinica viene inoltre valorizzato dalla collaborazione con l’ospedale pediatrico Meyer di Firenze.

Oltre ai rinomati laboratori come quelli di Oxford, Cambridge, Harvard si possono effettuare SFS anche in Paesi più esotici come il Perù, il Cile e regioni dell’Africa.

 

Attività extracurricolari

Il Sant’Anna permette di frequentare a Pisa i laboratori del CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) o quelli della Fondazione Toscana G. Monasterio. Ad esempio, nel mese di febbraio del primo anno si è soliti fare qualche giorno di esperienza in un laboratorio del CNR per imparare a muoversi.

 

Concorso interno

Il concorso è organizzato in una prova scritta, che prevede la stesura di due temi, e in un orale. 

I temi vertono su argomenti di:

  •       biologia (obbligatorio)
  •       chimica/fisica (a scelta tra le due).

È possibile consultare le tracce degli anni scorsi sul sito della Scuola a questo link.

Nonostante possano sembrare a prima vista un po’ insolite, le conoscenze che si sviluppano in preparazione al test nazionale di medicina sono sufficienti per svolgerle correttamente. Infatti, piuttosto che la giusta soluzione al problema (che quasi sempre non è univoca) la commissione valuta soprattutto la capacità di ragionamento del candidato e il modo di approcciare la traccia.

Dopo aver raggiunto una soglia minima nello scritto (pari a 35/50), si accede alla prova orale, in cui quattro commissioni valuteranno le conoscenze in:

  •     biologia
  •     fisica
  •     chimica
  •     attitudine alla materia. 

Per ulteriori domande è possibile confrontarsi con gli Allievi della Scuola ai link

Vita collegiale

La collegialità è un valore fondante della Scuola. Gli allievi, vivendo insieme, si scambiano esperienze, si supportano, studiano, faticano e gioiscono insieme, creando legami fortissimi che fanno parte della loro esperienza alla Scuola ma che li accompagneranno anche durante tutta la vita. Vivendo alla Scuola, in una comunità molto coesa di circa duecentocinquanta persone che condividono tempo insieme, spazi e attività comuni, avrai continuamente occasioni di confronto e discussione su attualità, interessi comuni, argomenti di studio e tanto altro. Nel tempo libero da lezioni e studio è possibile godere del bellissimo giardino della Scuola per prendere il sole, giocare a pallone sul prato, utilizzare i bbq a disposizione o allenarsi con le squadre di basket o di pallavolo e tanto altro. Alla Scuola sono anche attivi il Coro degli Allievi, a cui potrai partecipare anche se non hai precedenti esperienze di canto, e l’Associazione degli Allievi, che organizza numerose iniziative culturali, ricreative, accademiche per l’intera comunità della Scuola e aperti alla cittadinanza pisana.

Segreteria

La segreteria allievi si trova nella sede centrale del Sant’Anna ed è aperta dal lunedì al giovedì dalle 9 alle 16 la mattina, contattabile all’indirizzo email concorso_allievi@santannapisa.it per ottenere informazioni sull’ammissione.

Burocrazia
  •       Iscrizione al concorso: l’iscrizione al concorso avviene tramite questo portale, dove bisogna fornire le proprie generalità secondo il consenso sulla privacy. Alla conclusione della procedura arriverà una e-mail di conferma. Allo stesso indirizzo e-mail da voi comunicato, vi arriveranno tutte le comunicazioni in merito al concorso, incluse le date e alcuni consigli su dove soggiornare a Pisa per sostenere le prove scritte che si articolano in 2 giornate.
  •       Immatricolazione: dopo la pubblicazione delle graduatorie si verrà avvisati via e-mail dalla segreteria Allievi nel caso si risulti essere un vincitore, o nel caso di scorrimenti. Un requisito per poter essere proclamati vincitori del posto è l’aver ottenuto un punteggio al test nazionale pari o maggiore di quello conseguito dall’ultimo avente diritto ad immatricolarsi all’Università di Pisa. Le possibilità che si prospettano sono due:

o   Se si è già immatricolati all’università di Pisa, è sufficiente accettare il posto.

o   Se invece  si è immatricolati in un’altra università (infatti spesso le graduatorie vengono pubblicate dopo 4 giorni l’uscita di quelle nazionali, quindi conviene sempre immatricolarsi nell’ateneo di prima scelta, anche se non è quello pisano), dopo aver accettato il posto, bisogna effettuare il trasferimento presso l’ateneo pisano, con il supporto della segreteria studenti.

 

TRASFERIMENTI
  •        D altro ateneo e convalida esami: il concorso del Sant’Anna è aperto anche agli studenti che vogliono accedere al secondo e al terzo anno. Devono aver frequentato rispettivamente il primo anno o i primi due anni di medicina e rispettare i requisiti espressi nel bando consultabile qui
    tra cui avere una media superiore o uguale a 27/30esimi. Nel caso in cui questi requisiti vengano rispettati, è possibile accedere al concorso; una volta vinto il posto, la convalida degli esami viene effettuata dalla segreteria dell’università di Pisa. Le prove si differenziano in base all’anno di frequenza; sempre sul sito è possibile trovare tali prove.
  •        Interno all’ateneo e convalida esami: per il settore di medicina non è possibile cambiare settore senza perdere il posto al Sant’Anna. 
  •       Rinuncia agli studi: anche se è molto raro che un Allievo scelga di rinunciare al posto, è possibile farlo in ogni momento senza pagare alcuna indennità. Comunque, il posto all’Università di Pisa viene mantenuto.
CONCLUSIONI
PRO CONTRO
assenza di retta, contributo didattico, vitto e alloggio incluso selettività concorso

 

vita collegiale maggiore carico di studio
opportunità formative presso enti italiani e stranieri (finanziati) come tirocini ed attività laboratoriali  

 

CHICCHE
  •       La battaglia di gavettoni con la Normale
  •       Gli Allievi della Scuola organizzano ogni anno un torneo di Pratino: una variante del calcio a 5 giocata nel prato laterale della Scuola.
  •     Le commissioni di Scuola: l’amministrazione della Scuola concede agli Allievi alcune autonomie come la gestione delle camere, dell’orientamento, l’acquisto di nuovi volumi e riviste per la biblioteca e di alcuni fondi ricreativi
  •       X-Cool, la competizione sportiva tra le scuole superiori italiane
  •       Vengono conservate molte tradizioni come il convivio del 30 aprile e la grigliata del primo maggio in cui tornano alla Scuola gli ex-Allievi

 

 

Scopri le altre guide di ateneo, firmate Team Testbusters.

Crediamo in un modo migliore di apprendere e di insegnare, più coinvolgente e basato sulla formazione tra pari.

Vuoi prepararti insieme a noi?

Studenti dei corsi Testbusters
Carrello